cetraro-tramonto

Al pari di molte altre località costiere, anche Cetraro è suddivisa nel borgo antico sulle alture e nella frazione prossima al mare, che nella fattispecie è denominata Borgo San Marco. A dispetto di quanto si possa credere, trovandosi nella Riviera dei Cedri, il nome della località non deriva dal prezioso agrume, ma molto più probabilmente dal latino “Citra Aron”, vale a dire “al di qua del (fiume) Aron”. A Cetraro vi è uno dei porti turistici e pescherecci più attrezzati della Calabria, con possibilità di collegamenti stagionali anche verso le Isole Eolie, ben visibili nelle giornate serene.

La costa è varia ed è costituita da ampie spiagge sabbiose e dalle Grotte delle Colonne e dei Rizzi, molto suggestive, raggiungibili solo via mare, a nord del porto. Ma oltre alla località marina, ben frequentata, con numerose strutture ricettive, Cetraro è apprezzata dal turismo anche quale porta che conduce ai Monti di Fagnano Castello tra fitta vegetazione. Una posizione davvero incantevole, un vero e proprio balcone sulla costa tirrenica. La presenza dei monaci ha caratterizzato la storia di questo luogo: difatti, la città fu donata dalla duchessa Sikelgaita, seconda moglie di Roberto il Guiscardo, all'abate Desiderio IV Epifanio di Montecassino, quale ringraziamento per le attività diplomatiche di quest'ultimo a Melfi, quando i Normanni si riconciliarono con il papa Leone IX. Dal 1086 al 1810 Cetraro fu retta, quindi, dai Benedettini di Montecassino, la cui testimonianza più visibile e importante è la Chiesa di San Benedetto Abate, oggetto di vari interventi nel corso dei secoli: si trova nei pressi della Piazza del Popolo, nel borgo antico, e custodisce pregevoli dipinti e sculture, nonché un meraviglioso organo a canne.

Da visitare anche la Chiesa del Ritiro, quella dedicata a San Pietro Apostolo, la Chiesa di San Nicola (che risale all’XI secolo). Non si può andar via da Cetraro, infine, senza aver visitato il Palazzo Del Trono, antica dimora della omonima nobile famiglia, sede del Comune e del Museo Cartografico, della Biblioteca Comunale, nonché quello Archeologico dei Brettii e del Mare, con un meraviglioso giardino che nel periodo estivo ospita importanti eventi culturali.